Scatti di Scienza

Progetto Scatti di Scienza

Quali processi cognitivi si possono innescare producendo uno scatto di scienza o guardando una fotografia o un video?

Vi è capitato di pensare che una foto o un filmato eseguiti durante un esperimento, oltre ad illustrare il fenomeno, comunicando un contenuto scientifico, possano essere belli, suggestivi ed espressivi?

È possibile che un fenomeno catturato per caso con una fotografia o una sequenza riesca a generare stupore e a invitarci a cercare “quanta scienza” è rappresentata nella foto o nel video?

E’ possibile che una fotografia inneschi un processo di interpretazione/ricerca su un tema scientifico e dia lo spunto per nuovi esperimenti o osservazioni naturalistiche?

Sono queste alcune delle domande che ci hanno convinto che esiste uno spazio di ricerca e di sperimentazione che metta al centro la fotografia e il video scientifici e che si proponga di stimolare gli studenti a osservare con occhio nuovo oggetti, esperimenti, situazioni, ambienti.

 Progetto scatti di scienza 2022-2023

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

gallerie scatti di scienza

scatti di scienza scienza under 18 Scatti di Scienza

QUI potete vedere tutte le attività presenti e passate di Scatti di Scienza.

E QUA  trovate le fotografie degli scorsi anni

 

 

 

 

 

2022-12-10 scatti di scienza 2022-2023

 IN EVIDENZA

logo su18  Scatti di Scienza 2022-2023    

~ Scatti di scienzala bellezza di un'immagine ~

XV edizione 

Milano, 28 novembre 2022

 Ai docenti di scienze, matematica e fisica, tecnologia, arte, ma non solo…

Ha preso avvio la XV edizione del Progetto Scatti di scienza!

Il Progetto e le opportunità per i ragazzi e i docenti

Scatti di scienza ha l’obiettivo di promuovere la fotografia e il video quali strumenti di formazione scientifica per i ragazzi, ponendo al centro gli studenti, attori privilegiati nel percorso di costruzione di conoscenze e competenze, sotto la guida dei docenti.

Partecipare al progetto, giunto alla 15esima edizione, significa sperimentare quale e quanta scienza si può praticare quando si coglie uno scatto di scienza, si analizza una fotografia o un video, ci si impegna nella comunicazione scientifica pubblica, scritta e orale, stimolando il pensiero critico.


scadenza presentazione lavori 
27 marzo 2023

È un progetto aperto a tutti i gradi e ordini di scuola, che richiede la produzione di foto o video ad opera degli studenti; corredati da una scheda interamente compilata, sotto la supervisione dell’insegnante.

Read more: 2022-12-10 scatti di scienza 2022-2023

2021_12_15 scatti di scienza 2021/22

 logo su18 Scatti di scienza 2021/22                        

Ha preso avvio la XIV edizione del Progetto Scatti di scienza!

Il Progetto e le opportunità per i ragazzi

Scatti di scienza ha l’obiettivo di sperimentare percorsi didattici che utilizzino la fotografia o il video eseguiti dai ragazzi nella costruzione di conoscenze scientifiche.

Read more: 2021_12_15 scatti di scienza 2021/22

2019_2020 proposta di lavoro scatti di scienza

 logo su18 Scatti di scienza 2019/2020       

Così è nato nel 2008-2009 Scatti di scienza, il progetto per studenti e insegnanti che è giunto nel 2019-2020 alla sua XII edizione. CLICCA QUI PER IL SEMINARIO DI PRESENTAZIONE 2019-2020

Nella PROPOSTA DI LAVORO sono indicati consigli sia per gli studenti che per i docenti.

 Da allora centinaia di ragazzi, di ogni ordine di scuola, hanno scattato fotografie ed eseguito video scientifici assecondando la propria curiosità, fantasia e capacità di osservazione: alcuni hanno documentato un istante significativo di un esperimento, altri hanno “immaginato” e preparato la fotografia prima dello scatto; altri ancora hanno colto la bellezza di un particolare fenomeno naturale, spesso mossi dalla sorpresa per qualcosa di inaspettato.

I ragazzi hanno attribuito un titolo significativo al loro lavoro e l’hanno descritto nella scheda proposta dal gruppo di lavoro del Progetto con l’obiettivo di fissare impressioni, intenzioni, interessi per la ricerca di spiegazioni e anche interrogativi emersi dopo l’esecuzione del lavoro.

Dal 2008-2009, in ogni anno scolastico, il Progetto Scatti di scienza ha avuto il seguente sviluppo:

 

Nella PROPOSTA DI LAVORO sono indicati consigli sia per gli studenti che per i docenti.

https://youtu.be/hAaH5YgVuYM

La fotografia scientifica e la didattica

La fotografia scientifica e la didattica

Singolarmente o a gruppetti, i ragazzi hanno scattato “fotografie scientifiche” assecondando la propria curiositàfantasia e capacità di osservazione, con un’attività in classe spesso ben articolata: alcuni hanno documentato un istante significativo di un esperimento, altri hanno “immaginato” e preparato la fotografia prima dello scatto; altri ancora hanno colto la bellezza di un particolare fenomeno naturale, spesso mossi dalla sorpresa di osservare qualcosa di inaspettato; alcuni, infine, hanno pensato una sceneggiatura per un filmato.
Biodiversità, sintesi di colore e fenomeni di interazione luce-materia, serialità, composizioni di movimento, simmetrie, forme fondamentali: sono alcuni dei temi maggiormente presenti.
Nella maggior parte dei casi si è lavorato sull’estetica dello scatto, arrivando a risultati di buon livello scientifici ed estetici insieme.
Lo strumento della scheda allegata allo scatto si è rivelato di grande importanza: ha vincolato i ragazzi a riflettere sul lavoro fatto e ha permesso di esplicitare impressioni, interessi per la ricerca di spiegazioni e interrogativi nati dall’osservazione dell’immagine.

 

scatti covid19

 logo su18 Scatti ... da casa    

 

Invita i tuoi studenti a usare l'ambiente domestico (senza trascurare finestre e balconi) per andare alla caccia di quanta scienza c’è intorno a noi. 
scatti di scienza

Gli studenti possono fare piccoli esperimenti, scoprire fenomeni o fare osservazioni naturalistiche che possano destare curiosità e venire rappresentate con una fotografia.                      

La realizzazione dello scatto. Si possono fare le foto con il mezzo che avete a disposizione; requisito base della foto è la leggibilità del contenuto che si vuole comunicare senza farsi eccessivi problemi formali. Non è un concorso fotografico ma si intende proporre un’attività scientifica leggera e stimolante. Il soggetto da fotografare è libero.

La documentazione. È interessante accompagnare l’immagine con una didascalia che possa comunicare il percorso fatto prima e dopo lo scatto (come si è arrivati alla scelta del soggetto? quali sono gli elementi della foto che ti colpiscono di più? quali domande può suscitare la foto in chi la guarda?) vedi esempio

Con chi.  Gli studenti possono lavorare da soli oppure possono farsi aiutare da chi c’è in casa: fratelli, sorelle, genitori, nonni, ecc. Va bene tutto.

La condivisione. Scatti di scienza ha aperto una pagina facebook “Scatti di scienza SMART” che si offre come spazio informale per la condivisione dei lavori. L’insegnante può raccogliere foto e didascalie, diventare follower della pagina e postare i lavori che verranno pubblicati dopo un minimo controllo di coerenza col progetto.

Suggeriamo di riportare il nome della scuola la classe di appartenenza, quello dell’insegnante e nome proprio e sigla del cognome di chi ha fatto il lavoro. E' opportuno che i genitori dichiarino di accettare la pubblicazione su un social di quanto fatto a casa.

Per informazioni puoi rivolgerti all’indirizzo mail (… This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. . ..)

Esempio. Ti proponiamo un esempio:

 esempio scatti

Dove vanno i colori?

Ritaglio due cartoncini colorati e li unisco, li guardo attraverso un cilindro pieno d’acqua a metà e mi si presenta questa vista.

I colori, che osservo attraverso l’acqua, si sono scambiati di posizione. Ma non basta, il cartoncino mi appare più stretto, di larghezza ben inferiore. Se penso al cammino percorso dalla luce emessa dal cartoncino e raccolta dal mio occhio, devono riconoscere che si è “piegato”: quella proveniente da sinistra mi raggiunge dal lato destro e viceversa.

Ho messo un foglio bianco come base e sfondo per evitare che qualche elemento dell’ambiente disturbasse l’osservazione del fenomeno che mi interessava.

Mi sorgono diverse curiosità: vedrei cose diverse se spostassi il mio punto di vista verso destra o verso sinistra, verso l’alto o verso il basso? Questo effetto dipende dalla forma del vetro (ho tanti vasetti o bicchieri a disposizione)? E se usassi un bicchiere a calice con le facce convesse? E se ritagliassi cartoncini con forme diverse?

Chi guarda la foto vede altri particolari significativi che mi sono sfuggiti?

Riferimenti.

Il Progetto Scatti di scienza, promosso da Scienza under 18 e dall’Università degli Studi di Milano – Orto Botanico di Brera, da oltre dieci anni invita studenti di ogni grado a sperimentare quale scienza si può praticare quando si coglie uno scatto di scienza, si analizza una fotografia, ci si impegna nella comunicazione scientifica pubblica, scritta e orale. Si può trovare il materiale prodotto in

http://milano.scienzaunder18.net/wordpress/progetti/scatti-di-scienza/gallerie/