Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

 presentazione libro

 «La scienza può aiutarci a costruire un futuro desiderabile. Anzi, le conoscenze scientifiche sono mattoni indispensabili per erigere questo edificio. Ma […] è d’obbligo sciogliere il nodo decisivo del valore da dare alla conoscenza. […]Per costruire il futuro coi mattoni della scienza occorre dunque (ri)associare al valore di mercato della conoscenza altri valori: i valori dello sviluppo umano.» Pietro Greco 7 luglio 2001

Appuntamento a Pescara presso il Museo delle Genti D’Abruzzo , domenica 9 marzo 2014 alle ore 17.00 per la presentazione del libro di Margherita Hack “Io penso che domani”, il racconto di una testimone del Novecento. E' una raccolta di

ricordi di vita vissuta di una donna , narrati pochi mesi prima della sua scomparsa. Una testimone che ha attraversato quasi per intero il Novecento, vivendo i drammi (il fascismo, la guerra) e le gioie di un paese, l'Italia, che tanto è cambiato. La passione per le stelle e prima ancora per la ricerca. Le battaglie per gli animali, per l'ambiente e per i diritti umani. I temi etici e la laicità dello Stato. Un racconto fatto di pedalate in bicicletta, corse campestri, partite di pallavolo, viaggi e tanto altro. E sullo sfondo la complicità col compagno di una vita. L'eredità che Margherita Hack ci vuole lasciare è… un sorriso partecipe per tutte le forme di vita, un sorriso mai stanco.

A promuovere l’iniziativa è – appunto – l’Associazione Su18 pescara ( che fonda la propria azione nell’ambito della comunicazione, dell’educazione e della formazione sui temi, i contenuti e i metodi della scienza e dei saperi a essa collegati), il Museo delle Genti d’Abruzzo e Fondazione ARIA.

L’alta competenza degli ospiti unita alla semplicità delle parole, delle spiegazioni fanno si che il mondo della scienza così lontano e a volte ostico diventi un luogo d’incontro tra i cittadini e gli studiosi creando momenti di ascolto ma fondamentalmente di dibattito che portano a far sentire gli spettatori coinvolti e protagonisti.

Sarà presente il Professor Daniele Gouthier in veste di editore di Scienza Express nonché di vicepresidente dell’Associazione Nazionale Su18.